Foto

Statistiche

Oggi95
Ieri226
Questa settimana321
Questo mese5873
Totale942457

Martedì, 27 Giugno 2017

Visitatori: 25 visitatori online.

Chiesa di San Vincenzo Ferrer.Chiesa di San Vincenzo Ferrer.

Le campagna di scavo condotte nel sito di San Vincenzo Ferrer (Siligo) negli 2011 e 2012 hanno fornito risultati rilevanti per la valutazione dell’interesse archeologico delle aree del territorio comunale, oggi identificate con i toponimi di San Vincenzo Ferrer e di Bidda Noa, nelle quali si sono concentrate le ricerche.

L’ipotesi di partenza dello scavo era quella di trovarsi di fronte al solo sito del villaggio postmedievale abbandonato di Villanova Montesanto.

Questa ipotesi era stata formulata sulla presenza di fonti di natura differente:

 

1. I frammenti ceramici presenti in superficie apparivano principalmente attribuibili ai secoli XVI-XVII; al di là di reperti di cronologia pienamente contemporanea;

 

2. La documentazione scritta, che, ancorché non edita in modo sistematico, aveva permesso ad alcuni autori di identificare in questa fascia cronologica della prima età moderna il momento di maggior espansione del villaggio di Villanova Montesanto, abbandonato entro il 1655;

 

3. La presenza nel sito della chiesa di San Vincenzo e la memoria orale sul villaggio di Bidda Noa, presente nella vicina comunità di Siligo

 

4. Le indagini geomagnetiche realizzate nel sito nel novembre 2010, che avevano suggerito la presenza di un ampio areale di strutture sepolte.

 

Panoramica del sito di Villanova Montesanto.Panoramica del sito di Villanova Montesanto.

Nonostante il ritrovamento in scavo di estesi areali di rifiuti domestici databili all’arco cronologico compreso tra il XV e la metà del XVII secolo, l’identificazione del sito del villaggio rimane ancora problematica, in quanto le sue dimensioni demografiche estremamente ridotte hanno probabilmente finora impedito di ritrovare strutture murarie cronologicamente compatibili con il villaggio in questione.

Si ritiene infatti – sulla scorta delle fonti scritte di recente identificazione- che l’estensione dell’abitato di Villanova Montesanto (o di Villanueva MonctiSanti) fosse contenuta, almeno nel XVI-XVII secolo-  entro una superficie di 1 starello (4.000 mq), con una consistenza di 23 abitazioni (fuochi) censita nel 1627, ma con una organizzazione spaziale che ad oggi siamo in grado soltanto di ipotizzare.

Gli areali di rifiuti del villaggio identificati nella prima campagna di scavo suggeriscono che i resti delle abitazioni potrebbero localizzarsi nelle aree sovrastanti le dispersioni stesse ed in particolare su un debole rilievo contrapposto al modesto terrazzo sul quale è collocata la chiesa di San Vincenzo Ferrer, le adiacenze della quale, sulle medesime curve di livello, per la loro posizione più rilevata, sembrano anch’esse indiziate dalla presenza dell’abitato.

Siligo, Scuola Estiva di Archeologia Medievale (SEAM).Siligo, Scuola Estiva di Archeologia Medievale (SEAM).

Interessanti informazioni provengono dalle 23 monete (in buono stato di conservazione) rinvenute nella campagna di scavo. La collezione numismatica si dispiega con un’ampiezza inedita per le attestazioni finora note da scavo in Sardegna, con questa sequenza: Giacomo I d’Aragona (1213-1276) (un probabile residuo di circolazione); Alfonso V d’Aragona (1416-1458); Giovanni II d’Aragona (1458-1479); Ferdinando II d’Aragona (1479-1516); Carlo V Imperatore (1520-1556); Filippo II di Spagna (1556-1598); Filippo III di Spagna (1598-1621). 

Questa serie numismatica (da Alfonso V a Filippo III) e la presenza di marcatori ceramici che spaziano dalle maioliche valdarnesi Italo-Moresche dal primo al tardo XV secolo, alle maioliche di Montelupo dal 1480 circa all’inizio del Seicento, alle maioliche iberiche in blu e lustro o solo lustro dal XV al XVII secolo, alle produzioni liguri (maioliche a smalto berettino, graffite monocrome), alle maioliche sassaresi (tardo XVI-inizio XVII secolo), concorrono a definire una cronologia su base archeologica del sito del villaggio abbandonato, che può iniziare a dialogare in modo efficace con le fonti scritte.

MuseoBiddas Anna Demuro, Domani 19 Maggio ore 19, Sala conferenze Palazzo Baronale, @MuseoBiddas, @ComunediSorso, @SorsoTurismo https://t.co/UHhKXQ4yZJ
MuseoBiddas RT @SardegnaTurismo: Oggi è la #GiornatainternazionaledeiMusei 🙂 Buon #MuseumDay a tutti! Un like in più ai nostri musei in Sardegna 😍 ➡️ht…
MuseoBiddas Biddas augura a tutti voi Buona Pasqua... Stay tunned... See you later...
MuseoBiddas RT @MuseoArcheoCa: #MontePrama visita guidata delle guide del nostro @MuseumShop_CA per i bambini della scuola primaria di #QuartuSElena ht…
MuseoBiddas RT @FlanierenSarda: La primavera nelle città del #Mediterraneo. Una passeggiata nelle vie più antiche di #Sassari, tra suoni, profumi, colo…